Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


Il REGISTRO delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti. Ratifica del "Protocollo di Kiev" del 2003.

Il di Kiev Protocollo ha lo  scopo  di  migliorare  l'accesso  del pubblico  alle  informazioni  attraverso   l'istituzione   su   scala nazionale di registri delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti (pollutant release and transfer registers - PRTR) coerenti e integrati nel rispetto delle disposizioni del Protocollo stesso, in grado di agevolare la  partecipazione  del  pubblico  ai  processi decisionali in campo  ambientale  e  di  contribuire  a  prevenire  e ridurre l'inquinamento dell'ambiente

Il protocollo di Kiev (cd. "protocollo Prtr — Pollutant Release and Transfer Registers"), adottato nel maggio 2003 dalla Riunione straordinaria delle Parti della Convenzione di Aarhus (accesso all'informazione in materia ambientale) ed entrato in vigore nell’ottobre del 2009, rappresenta il primo strumento internazionale legalmente vincolante che obbliga le Parti a istituire inventari o registri nazionali sull’inquinamento, basati su una banca dati strutturata, informatizzata e accessibile al pubblico.

Con il via libera della legge 17 luglio 2020, n. 91 ("Ratifica ed esecuzione del Protocollo sui registri delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti, fatto a Kiev il 21 maggio 2003") si avvicina così l'ingresso dell’Italia nell'elenco delle Parti della Convenzione di Aarhus che hanno ratificato il protocollo (una quarantina, Ue compresa).

La Convenzione di Aarhus = La "Convenzione sull'accesso alle informazioni, la partecipazione dei cittadini e l'accesso alla giustizia in materia ambientale" è stata firmata nella cittadina di Aarhus, in Danimarca, nel 1998 ed è entrata in vigore nel 2001.

Occorre peraltro sottolineare come il Protocollo risulti già applicato a livello di Unione europea grazie al regolamento "Prtr" 166/2006/Ce, provvedimento istitutivo del registro europeo delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti recepito in Italia con il Dpr 157/2011 (gli stabilimenti nazionali coinvolti sono circa 3mila).

LINK:
LEGGE 17 luglio 2020, n. 91 Ratifica ed esecuzione del Protocollo sui registri delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti, fatto a Kiev il 21 maggio 2003

GuardiaCivica - Il REGISTRO delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti. Ratifica del "Protocollo di Kiev" del 2003.

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO