Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
Assegno unico ed universale
 
Diretta CAMERA DEI DEPUTATI
 
Diretta SENATO
 
 
 
 
 
 
 


SMART WORKING - Accordo raggiunto e siglato tra governo e parti sociali sullo smart working nel settore privato (linee di indirizzo)

L'accordo assurge a quadro di riferimento, che le parti hanno condiviso, per la definizione dello svolgimento del lavoro in modalità agile: l'accordo contiene quindi  linee di indirizzo che dovranno poi essere recepite nella contrattazione collettiva nazionale, aziendale e/o territoriale. 

I PRINCIPI FONDAMENTALI:

1) LA VOLONTARIETA' DEL RAPPORTO - si stabilisce che l’adesione al lavoro agile deve avvenire su base volontaria. L’adesione al lavoro agile potrà avvenire solo su base volontaria, a seguito di sottoscrizione tra azienda e lavoratore di un accordo individuale

2) IL CONTRATTO - E' subordinata alla sottoscrizione di un accordo individuale tra lavoratore e azienda. 

3) NON OBBLIGATORIO - Se il lavoratore rifiuta il lavoro in modalità agile non potrà essere licenziato per giusta causa o giustificato motivo e non è rilevante sul piano disciplinare

4) DISCONNESSIONE - E' garantito il diritto alla disconnessione. Nell'accordo tra azienda e lavoratore occorre individuare la fascia di disconnessione nella quale il lavoratore non eroga la prestazione lavorativa. Il Protocollo ribadisce che "vanno adottate specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la fascia di disconnessione"

5) PARI TRATTAMENTO - E' garantito il diritto  alla parità di trattamento economico rispetto ai colleghi che lavorano in presenza.  L’accordo sottoscritto deve essere coerente con la contrattazione collettiva, con le leggi e con le linee guida definite nel Protocollo, pertanto lo smart working non può essere motivo di condizione lavorative peggiorative

6) DURATA - Il contratto tra azienda e lavoratore deve prevedere la durata dello stesso accordo sul lavoro agile (a termine o a tempo indeterminato) e l’alternanza tra i periodi di lavoro all’interno e all’esterno dei locali aziendali.   L’azienda potrebbe anche chiedere - per motivi di sicurezza dei dati aziendali - l’esclusione di alcuni luoghi di lavoro, ad esempio vietare che il lavoro sia svolto da un tavolino di un bar

7) ORARI DI LAVORO - non vi è un  preciso orario di lavoro e vi è una certa  autonomia nello svolgimento della prestazione nell’ambito degli obiettivi prefissati.  Dovrà rispettare l’organizzazione delle attività assegnate a garanzia dell’operatività dell’azienda e dell’interconnessione tra le varie funzioni aziendali. Possono essere comunque previste delle fasce orarie.  Non è previsto lavoro straordinario.

8) PERMESSI - E' possibile  richiedere «ove ne ricorrano i relativi presupposti», la fruizione dei permessi orari previsti dai contratti collettivi o dalle norme di legge (ad es.  permessi per particolari motivi personali o familiari)

9) MALATTIE ED INFORTUNI - In caso di assenze per malattie, infortuni, permessi retribuiti, ferie,  il lavoratore può disattivare i propri dispositivi di connessione e, in caso di ricezione di comunicazioni aziendali, non è comunque obbligato a prenderle in carico prima della prevista ripresa dell’attività lavorativa. Il lavoratore ha diritto alla tutela assicurativa contro infortuni sul lavoro e le malattie professionali (interna ed esterna all'Azienda)

10) LUOGO DI LAVORO - si può individuare il luogo ove svolgere la prestazione in modalità agile, però questo deve avere caratteristiche tali da consentire la regolare esecuzione della prestazione, in condizioni di sicurezza e riservatezza, con attenzione particolare al trattamento dei dati e delle informazioni aziendali nonché alle esigenze di connessione con i sistemi aziendali.  La contrattazione collettiva può individuare i luoghi inidonei allo svolgimento del lavoro in modalità agile per motivi di sicurezza personale o protezione, segretezza e riservatezza dei dati.

11) GLI STRUMENTI DI LAVORO - il datore di lavoro fornisce gli strumenti tecnologici ed informatici necessari e sosteine le spese di manutenzione. In caso di furto delle attrezazature, il lavoratore avverte tempestivamente l'Azienda e, in caso di Susa diretta negligenza, risponde del danno

12) INCENTIVI - Il protocollo prevede  la necessità di incentivare l’utilizzo corretto del lavoro agile anche tramite un incentivo pubblico destinato alle aziende che regolamentino il lavoro agile con accordo collettivo

GuardiaCivica - SMART WORKING - Accordo raggiunto e siglato tra governo e parti sociali sullo smart working nel settore privato (linee di indirizzo)

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.