Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


IMMOBILI ABUSIVI. Una sentenza del TAR Campania può evitare la demolizione.

L'immobile abusivo resta dov'è. L'ordine di demolizione adottato dal Comune viene annullato perché il nuovo proprietario dei locali risulta in buona fede: pesa la compravendita stipulata davanti al notaio, che richiama il titolo di provenienza del bene. E quando sono passati molti anni dalla realizzazione delle opere contro legge, l'amministrazione deve comunque motivare l'interesse pubblico alla demolizione, comparandolo con quello del privato e comunicando al titolare l'avvio del procedimento. È quanto emerge dalla sentenza 2123/21, pubblicata il 31 marzo dalla terza sezione del Tar Campania.

Azione contraddittoria. Accolto il ricorso del titolare dell'appartamento e del garage: nell'atto di compravendita si rinvia in modo esplicito al titolo di provenienza che ha consentito il passaggio di proprietà alla sua dante causa; il costruttore garantisce nella propria dichiarazione che il fabbricato (sei piani e un seminterrato) è realizzato in conformità alla licenza edilizia, che risale al 1962.

Il Comune, allora, non può svegliarsi sessant'anni dopo e ingiungere la riduzione in pristino, dopo aver a lungo riscosso i tributi locali sull'immobile e perfino aver concesso al condominio titoli abilitativi come Dia e Cila per ristrutturare il fabbricato. D'altronde il piano rialzato «incriminato» non può essere considerato del tutto abusivo insieme al seminterrato utilizzato come autorimessa.

Insomma: l'azione amministrativa è contraddittoria e l'ente avrebbe dovuto offrire una motivazione rafforzata per la demolizione, che impone peraltro la descrizione degli abusi rilevati. Senza dimenticare che l'interessato ha comprato l'immobile grazie a un mutuo garantito da ipoteca che la banca gli ha concesso soltanto dopo una perizia tecnica ed estimativa sui locali.

Di più: se l'ente locale avesse comunicato al privato l'avviso del procedimento, il nuovo proprietario avrebbe potuto far valere la sua posizione di terzo acquirente in buona fede, inducendo l'autorità a emettere un provvedimento diverso (Italiaoggi)

 

GuardiaCivica - IMMOBILI ABUSIVI. Una sentenza del TAR Campania può evitare la demolizione.

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO