Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


INQUINAMENTO ACUSTICO. Vicini troppo rumorosi. Cosa fare

Quella dei vicini rumorosi, purtroppo, rappresenta una problematica assai diffusa e che in molti casi può condurre all'esasperazione. Schiamazzi, radio o televisione ad alto volume, feste fino a tarda notte, rumori intollerabili durante il giorno oppure durante le ore di riposo, tutte situazioni idonee a infastidire e a recare disturbo a chi studia, lavora o riposa.

La prima cosa da fare è sempre quella di cercare di accordarsi bonariamente con il vicino molesto, contattarlo per discutere della problematica e spiegarli con educazione le proprie ragioni, rappresentandogli i fastidi provocati dai suoi rumori, magari anche formalmente tramite una missiva o una diffida.

La lettera di diffida resta sempre la soluzione più opportuna: formalizza la contestazione e, nello stesso tempo, tiene lontani i giudici. Per renderla più credibile, potrai farla inviare da un avvocato, ma tieni conto che la firma del legale inasprisce di più gli animi.

RUMORI IN CONDOMINIO

Chi vive in condominio potrà trovare un primo aggancio all'interno del proprio regolamento condominiale che spesso contiene prescrizioni inerenti le fasce orarie in cui non sono consentiti rumori molesti, oltre che disposizioni che disciplinano la segnalazione dei vicini rumorosi. Si potrà chiedere l'intervento dell'amministratore del Condominio per mediare (che potrà anche infliggere multe fino a 200 euro).

TUTELA IN SEDE CIVILE

Si può chiedere l'inibitoria, ovvero la cessazione dei rumori, o anche, ex art. 2043 c.c., il risarcimento dell'eventuale danno provocato dalle immissioni moleste

Si tratta di un iter meno facile di quanto sembri in quanto il codice civile tutela sì dalle immissioni rumorose, ma solo qualora queste superino la soglia della "normale tollerabilità" avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi (art. 844 c.c.).

LA NORMALE TOLLERABILITA'. Valore soggettivo.

In particolare, chiarisce la Cassazione, il giudizio sulla loro tollerabilità dovrà essere formulato in relazione alla situazione ambientale, variabile da luogo a luogo, secondo le caratteristiche della zona e le abitudini degli abitanti

QUANDO IL RUMORE NON E' REATO

nel caso di attività private, la soglia non superi la normale tollerabilità e/o disturbi solo poche persone (e non un numero indeterminato);

nel caso di attività commerciali o professionali, la soglia sia al di sotto dei limiti fissati dalla legge o dalle autorità amministrative.

COME DIMOSTRARE IL RUMORE

Ci si potrà avvalere di una perizia fonometrica. Tuttavia, posto che alcuni rumori sono irripetibili e, di solito, non vengono ripetuti se è in corso un giudizio, la Cassazione ha ritenuto possibile dimostrare la loro produzione tramite le testimonianze dei vicini che possano confermare di aver sentito le immissioni acustiche

La registrazione dei rumori fatta da te stesso (ad esempio con uno smartphone) è facilmente contestabile se da essa non risulti la data in cui la stessa viene eseguita e la fonte dei rumori.

Un filmato può essere scardinato da un bravo legale.


GuardiaCivica - INQUINAMENTO ACUSTICO. Vicini troppo rumorosi. Cosa fare

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO