Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


BONUS INTERNET: il rischio di avere PC e Tablet di qualità inadeguata

Il rischio di fondo del bonus internet è di consegnare ai consumatori pc e tablet di scarsa qualità. È la denuncia che chiede a Infratel e Mise di vigilare sui device offerti dagli operatori. 

Scadenti, per non dire inadeguati. Device che a quel punto non solo saranno scelti dagli operatori ma saranno anche di poco aiuto per la didattica a distanza e lo smart working. Il bonus internet è una buona idea, può aiutare le famiglie in difficoltà – si potrebbe arrivare a 480 mila famiglie nel primo anno – ma il modo in cui è costruito continua a suscitare polemiche.

Un problema è il collegamento fra l’abbonamento internet e la fornitura di pc e tablet. L’altro problema del bonus internet, sollevato oggi dal Movimento Difesa del Cittadino, è la potenziale scarsa qualità della tecnologia offerta.

A pochi giorni dal lancio delle offerte (il bonus internet è partito ufficialmente il 9 novembre) si valuta positivamente l’impegno per garantire ai cittadini l’accesso ad internet divenuto essenziale nell’emergenza Covid, soprattutto per lo smartworking e la didattica a distanza, e già a marzo erano stati chiesti al Governo interventi concreti contro il digital divide.

Però modificare le impostazione del bonus internet nella fase 2. Infratel e Ministero dello Sviluppo economico devono inoltre vigilare per impedire speculazioni a danno dei consumatori che si potrebbero ritrovare con pc e tablet di scarsa qualità, indaguati per la didattica a distanza e per lo smartworking.

Cosa è il Bonus internet

Il bonus internet è un servizio dedicato alle famiglie con Isee inferiore a 20 mila euro e consiste in uno sconto sul canone di abbonamento a servizi di connettività Internet a banda ultralarga in caso di nuove attivazioni di utenze di rete fissa e nella fornitura di un personal computer o tablet. Il contributo per l’acquisto di personal computer o tablet è erogato solo nel caso di contestuale attivazione del servizio di connettività.

Il voucher, che può arrivare a 500 euro, dovrebbe coinvolgere circa 480mila famiglie fino al primo ottobre 2021, per poi estendersi entro il 2021 anche a fasce di reddito più alte (fino a 50mila euro) e alle imprese (bonus da 300 a 2.500 euro).

Può essere attivato in tutta Italia. Ma in Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Toscana, e su esplicita richiesta di queste regioni, la misura sarà applicabile solo ad utenze localizzate in alcuni comuni considerati più svantaggiati.

Bonus internet e tecnologia offerta

I criteri con cui è costruito il bonus internet fanno però discutere. Il problema del voucher è che l’agevolazione «è fruibile solo se all’abbonamento a Internet sia associato l’acquisto di un tablet o di un pc scelto dagli operatori stessi che stanno lanciando varie offerte di sconto sui servizi di connettività (tra i 200 e 400 euro), mentre quello sui device può essere compreso tra 100 e 300 euro».

In pratica si impedisce ai consumatori di scegliere in libertà pc e tablet, e questo contrasta con le norme sulla concorrenza e con il Regolamento UE 2120/15 sui diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica.  «Si rischia di fare un danno a tante famiglie bisognose, che si ritroveranno apparati di pessima qualità».

GuardiaCivica - BONUS INTERNET: il rischio di avere PC e Tablet di qualità inadeguata

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO