Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


PASTA: i pastifici Italiani sono costretti ad acquistare anche grano estero

Chi compra pasta italiana, anche noi italiani, ignora che almeno il 30% della materia prima utilizzata non è italiana. Quindi la pasta che mangiamo ed esportiamo non è totalmente made in Italy

Alcuni pastifici importano dal Nord America “una parte importante del grano” che lavorano per fare la pasta. Uno stato di fatto che ha lasciato senza parole molti Consumatori, in netta contro tendenza rispetto ai tanti pastifici che dichiarano sulle confezioni di usare solo grano italiano.

I MOTIVI CHE SPINGONO AD ACQUISTARE GRANO ESTERO

1) Abbiamo una carenza di grano almeno del 30% rispetto al nostro fabbisogno produttivo 

2) Non tutto il grano prodotto in Italia è di qualità. Ad esempio Il grano della California e dell’Arizona ha una qualità migliore perché i campi sono ricchi di azoto e sono meno sfruttati rispetto a quelli italiani. Lo stesso Ministero delle Politiche Agricole informa che solo il 35% del grano italiano ha contenuto proteico superiore al 13% e circa il 30% del grano duro prodotto in Italia è di qualità medio bassa, con un contenuto proteico inferiore al 12%, che lo rende non adatto alla pastificazione. Anche perché bisogna sapere che durante la trasformazione da grano a semola si perde circa 1 punto percentuale di proteine.

FORNITORI ESTERI

Canada (34%), Francia (13%), dagli Usa (11%) e Kazakistan (10%),

LA COLDIRETTI

Coldiretti, dal fronte pro-agricoltori continua la sua battaglia sulla trasparenza e ha raccolto 1,1 milioni di firme di cittadini europei per chiedere alla Commissione Ue di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti. Ma l’associazione dei pastai italiani Aidepi già in passato espresse forti perplessità su questa battaglia secondo il principio che l’origine non è di per sé sinonimo di qualità e che con questo argomento si rischia confusione nella percezione del consumatore.

LA POSIZIONE DI GUARDIACIVICA

a) Auspichiamo che quanto prima i pastifici prevedano etichette con l’origine della materia prima osservando le raccomandazioni  dell’autorità Antitrust (AGCM)

b) La pasta Italiana, utilizzando il miglior grano sul mercato sia esso anche estero, non può che migliorare la propria qualità ed accrescere la consistenza dei mercati internazionali


GuardiaCivica - PASTA: i pastifici Italiani sono costretti ad acquistare anche grano estero

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO