Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
Assegno unico ed universale
 
Diretta CAMERA DEI DEPUTATI
 
Diretta SENATO
 
 
 
 
 
 
 


PENSIONI - Conferma delle rivalutazioni fino al 31 dicembre 2022 e aumenti del 7,3% nel 2023

Aumento super per le pensioni. Dal 1° gennaio 2023, saliranno del 7,3% per via della consueta operazione di rivalutazione. A stabilirlo è un decreto firmato ieri del ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti, che dispone l'aumento in base alla variazione Istat il 3 novembre scorso. Il minimo, ad esempio, sale da 525,38 euro a 563,73 euro, con un aumento di 38,35 euro mensili ovvero di 498 euro in un anno (tredici mensilità).

La rivalutazione. Tecnicamente si chiama perequazione; in pratica, è la rivalutazione annuale degli importi di tutte le pensioni, al fine di adeguarli al costo della vita per proteggere il loro potere d'acquisto, almeno in parte, dall'erosione dovuta all'inflazione. Il prossimo aggiornamento, per le pensioni in pagamento da gennaio 2023, ci sarà in base all'indice provvisorio del 7,3%, fissato ieri, salvo il successivo conguaglio, a gennaio del 2024, in base all'indice definitivo.

 

Altre misure. Il decreto Aiuti-bis ha previsto due misure a favore dei pensionati: un bonus (un aumento, cioè, una tantum del 2% delle rate di pensione spettanti nell'ultimo trimestre 2022, alle sole pensioni d'importo lordo fino a 2.692 euro) e l'anticipo al 1° novembre del conguaglio della perequazione dovuto per l'anno 2022, con riconoscimento della rivalutazione dell'1,9% (il conguaglio-aumento è stato dello 0,2%).

 

Per gli iscritti al servizio gratuito di assistenza di GUARDIACIVICA

Quesiti, informazioni e dettagli:

mail = info@guardiacivica.it

whatsapp = 347 0862930

GuardiaCivica - PENSIONI - Conferma delle rivalutazioni fino al 31 dicembre 2022 e aumenti del 7,3% nel 2023

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.