cambia grandezza del testo A A A

Gli acquisti degli Italiani. Dacosa sono influenzati e quanto contano i consigli e le opinioni di amici e familiari. Il peso del marketing pubblicitario

Abbiamo cercato di analizzare i comportamenti dei consumatori prendendo in esame un’indagine svolta sul web dall’Associazione Codici nel 2016, che ha preso a campione consumatori di età, sesso ed estrazioni sociali diverse.

Da quanto rilevato emerge che
: la maggioranza degli intervistati prima dell’acquisto ha prevalentemente due approcci: il 42% si informa sul momento, analizzando le etichette e comparando i prezzi delle varie marche prima di procedere all’acquisto; il 37%, invece,preferisce informarsi prima sul prodotto per poi recarsi nel posto più utile, per vicinanza o per completezza di fornitura. Il 16% alla vista di un capo o un oggetto che colpisce particolarmente, acquista d’impulso. Bassissima la percentuale di chi, invece, non vuole sprecare troppo tempo per decidere e decide di comprare senza pensare troppo alle caratteristiche della merce.

Sugli elementi che intervengono per determinare la scelta del momento in cui acquistare, l’umore pare avere un ruolo rilevante: il 32% degli intervistati infatti è più propenso a fare shoppinh nei momenti in cui si sente particolarmente triste e in quelli in cui invece è particolarmente felice. Ma anche la vista di un oggetto che attira improvvisamente la nostra attenzione, quell’articolo finalmente in saldo o quel regalo che sarebbe perfetto quella particolare occasione, diventano una motivazione importante che interessa il 21% dei consumatori.

Soltanto il 5% dei soggetti presi in esame dichiara di acquistare in compagnia di qualcun’altro. Sembra che lo shopping resti ancora un momento che preferiamo vivere e gestire con i nostri tempi, senza pressioni esterne, un vero e proprio momento da dedicare soltanto a noi stessi.

Per quanto riguarda l’importanza delle marche, per il 42% degli intervistati, passa in secondo piano rispetto al prezzo, che rimane sempre l’elemento decisionale più incisivo; il 26% ritiene che non sempre le marche siano indice di qualità della merce; la stessa percentuale di intervistati, il 16%, si posiziona agli estremi ritenendole gli uni fondamentali, gli altri totalmente irrelevanti perchè i prodotti sono uguali.

Gli elementi che influenzano invece un acquisto sono, innanzitutto, qualità e affidabilità di un prodotto (42%); segue al 26% il design e lo stato emozionale che suscita quel prodotto sul consumatore; in ultimo il tipo di negozio in cui si decide di acquistare, scelta che dipende quasi esclusivamente dalla vicinanza o meno da casa.

Più del 40% dei partecipanti all’indagine prima di procedere all’acquisto, necessita di una lunga operazione con la quale prende più informazioni possibili sul prodotto per giungere ad una piena consapevolezza.

Più del 30%, invece, si basa sull’opinione di amici e conoscenti che raccomandano l’utilità, la qualità o la funzionalità di una determinata merce, mentre il il 17% ascolta i consigli dei famigliari. La pubblicità continua ad avere un determinato peso sulla scelta di un determinato prodotto o un determinato marchio piuttosto che un altro



diventa socio e sostieni l’Associazione !
web: guardiacivica.it   mail:  info@guardiacivica.it    
skype/twitter/facebook:  GUARDIACIVICA